Sede Legale FIRENZE VIA MARIO ULIVELLI 37 15 Strutture operative in tutta Italia
+393292278868
info@doppiservizi.it

Bonus mobili 2021. Requisiti, domanda e come funziona.

Bonus mobili 2021. Requisiti, domanda e come funziona.

Spread the love

Come negli anni precedenti, si tratta di una detrazione irpef per l’acquisto di mobili finalizzati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione. Tuttavia la nuova legge di bilancio ha introdotto delle novità, come l’innalzamento del limite al tetto di spesa.

Bonus mobili 2021 come funziona

A prescindere dall’importo sostenuto per le spese di ristrutturazione, si può fruire di una detrazione del 50% sui costi d’acquisto di nuovi mobili nel 2021. La condizione è che tali mobili siano destinate ad arredare l’immobile oggetto di ristrutturazione.

L’importo massimo su cui calcolare la detrazione è salito a 16.000 euro (nel 2020 era 10.000), in base a quanto stabilito dalla manovra 2021.

Questo limite si riferisce alla singola unità immobiliare (o alla parte comune di edificio oggetto di lavori), come specifica l’agenzia delle entrate. Ciò significa che il contribuente che esegue ristrutturazione su più immobili, può beneficiare dell’agevolazione più volte.

Requisiti

  • Acquisto di mobili nuovi nel 2021, destinati ad immobili oggetto di ristrutturazione edilizia a partire dal primo gennaio 2020. In altri termini si può fruire del bonus sull’acquisto di mobili senza ristrutturazione nel 2021, ma solo se questi sono stati svolti nel 2020 e sullo stesso immobile a cui sono destinati i mobili.
  • Il pagamento deve essere necessariamente effettuato con mezzi tracciabili. Quindi carta di credito, di debito o bonifico bancario. Non è consentito, invece, pagare con assegni bancari,
    contanti o altri mezzi.

Spese ammesse ed escluse

Permettono di ricevere l’agevolazione l’acquisto delle seguenti tipologie di mobili:

  • letti
  • armadi
  • cassettiere
  • scrivanie e librerie
  • tavoli
  • divani e poltrone
  • credenze
  • materassi
  • apparecchi di illuminazione
  • grandi elettrodomestici di classe energetica non inferiore ad A+ (frigoriferi, lavatrici, lavastoviglie e via dicendo).

Fra le spese detraibili ci sono anche quelle di trasporto e montaggio dei prodotti acquisitati.

Mentre sono escluse le spese di acquisto di pavimentazioni, porte, tende, tendaggi e altri complementi d’arredo.

La scadenza del bonus mobili è quella del 31 dicembre 2021, in base a quanto stabilito dalla nuova legge di bilancio.

Bonus mobili agenzia entrate, come utilizzare il credito

Una volta inserite le spese in dichiarazione, i beneficiari riceveranno un credito d’imposta da utilizzare in detrazione delle tasse da pagare.

Essa spetta in 10 quote annuali di pari importo, da utilizzare quindi ogni anno, utilizzando i modelli F24. Il contribuente potrà continuare a usufruire delle quote di detrazione non utilizzate, anche se l’abitazione oggetto di ristrutturazione è ceduta prima della fine dei 10 anni.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *